Vicino allo zero il tasso di interesse legale 2020

 

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 293 del 14 dicembre 2019, il Decreto Mef del 12 dicembre 2019 (di seguito riportato) che modifica del saggio di interesse legale.

Nel provvedimento, tenuto conto del rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato e del tasso d’inflazione annuo, fissata  allo 0,05 per cento in ragione d’anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2020, la misura del saggio degli interessi legali di cui all’ art. 1284 del codice civile. Si ricorda che con precedente decreto del 12 dicembre 2018, la misura del saggio degli interessi legali era stata fissata allo 0,8 per cento in ragione d’anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2019.

 

 

DECRETO 12 dicembre 2019
(G.U. n. 293 del 14/12/2019)

Modifica del saggio di interesse legale.

 

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE

 

Visto l’articolo 2, comma 185, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, recante «Misure di razionalizzazione della finanza pubblica» che, nel fissare al 5 per cento il saggio degli interessi legali di cui all’articolo 1284, primo comma, del codice civile, prevede che il Ministro dell’economia e delle finanze può modificare detta misura sulla base del rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato di durata non superiore a dodici mesi e tenuto conto del tasso di inflazione registrato nell’anno;

Visto il proprio decreto 12 dicembre 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 291 del 15 dicembre 2018, con il quale la misura del saggio degli interessi legali è stata fissata allo 0,8 per cento in ragione d’anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2019;

Visto il decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, concernente il testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Tenuto conto del rendimento medio annuo lordo dei predetti titoli di Stato e del tasso d’inflazione annuo registrato;

Ravvisata l’esigenza, sussistendone i presupposti, di modificare l’attuale saggio degli interessi;

 

Decreta:

 

Art. 1.

La misura del saggio degli interessi legali di cui all’articolo 1284 del codice civile è fissata allo 0,05 per cento in ragione d’anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2020.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Roma, 12 dicembre 2019

Il Ministro: GUALTIERI


Dal 1° gennaio 2018 saggio di interesse legale allo 0,3 per cento

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 292 del 15 dicembre 2017, il Decreto Mef del 13 dicembre 2017 che modifica del saggio di interesse legale.

Nel provvedimento, tenuto conto del rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato e del tasso d’inflazione annuo registrato, fissata allo 0,3 per cento in ragione d’anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2018, la misura del saggio degli interessi legali di cui all’ art. 1284 del codice civile. Si ricorda che con precedente decreto del 7 dicembre 2016, la misura del saggio degli interessi legali era stata fissata allo 0,1 per cento in ragione d’anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2017.

 Link al testo del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 13 dicembre 2017, recante: «Modifica del saggio di interesse legale» 


A decorrere dal 1° gennaio 2017 saggio di interesse legale allo 0,1 per cento in ragione d’anno

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 291 del 14 dicembre 2016, il Decreto Mef del 7 dicembre 2016 che modifica del saggio di interesse legale.

Nel provvedimento, tenuto conto del rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato e del tasso d’inflazione annuo registrato, fissata allo 0,1 per cento in ragione d’anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2017, la misura del saggio degli interessi legali di cui all’art. 1284 del codice civile. Si ricorda che con precedente decreto del 11 dicembre 2015, la misura del saggio degli interessi legali è stata fissata allo 0,2 per cento in ragione d’anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2016

Per l’anno 2001 la misura degli interessi legali è stata fissata al 3,5 per cento dal D.M. 11/12/2000 (in “Finanza & Fisco” n. 2/2001, pag. 199).

Per gli anni 2002 e 2003 la misura degli interessi legali è stata fissata al 3 per cento dal D.M. 11/12/2001 (in “Finanza & Fisco” n. 4/2002, pag. 457).

Per gli anni dal 2004 al 2007 la misura degli interessi legali è stata fissata al 2,5 per cento dal D.M. 01/12/2003 (in “Finanza & Fisco” n. 45/2003, pag. 4546).

Per gli anni 2008 e 2009 la misura degli interessi legali è stata fissata al 3 per cento dal D.M. 12/12/2007 (in “Finanza & Fisco” n. 45/2007, pag. 3838).

Per l’anno 2010 la misura degli interessi legali è stata fissata al 1 per cento dal D.M. 04/12/2009 (in “Finanza & Fisco” n. 44/2009, pag. 3994).

Per l’anno 2011 la misura degli interessi legali è stata fissata all’1,5 per cento dal D.M. 07/12/2010 (in “Finanza & Fisco” n. 41/2010, pag. 3679).

Per gli anni 2012 e 2013 la misura degli interessi legali è stata fissata al 2,5 per cento dal D.M. 12/12/2011 (in “Finanza & Fisco” n. 42/2011, pag. 3662).

Per l’anno 2014 la misura degli interessi legali è stata fissata all’1 per cento dal D.M. 12/12/2013 (in “Finanza & Fisco” n. 37/2013, pag. 3033).

Per l’anno 2015 la misura degli interessi legali è stata fissata allo 0,5 per cento dal D.M. 11/12/2014 (in “Finanza & Fisco” n. 33/2014, pag. 2605).

Per l’anno 2016 la misura degli interessi legali è stata fissata allo 0,2 per cento dal D.M. 11/12/2015